24-08-2021

Un triathlon di estremi

Le sfide del cronometraggio del NORSEMAN

Lo Zalaris Norseman Xtreme Triathlon in Norvegia è considerato uno dei triathlon più difficili al mondo. Nel suo reportage, l'International Sales Manager Lars Späth descrive una gara in cui anche aspettare al traguardo può diventare una sfida:

Si comincia alle 5 del mattino, con un salto nel buio. Dalla rampa di un traghetto all'acqua fredda a 17 gradi Celsius profonda 3 metri dell'Hardangerfjord. Per circa 100 partecipanti (meno del solito a causa della pandemia), inizia ora la lotta contro le forze della natura e i limiti del proprio corpo. Solo le luci dei kayak di accompagnamento illuminano il percorso. Il combattimento durerà oltre 10 ore per il vincitore, quasi 19 ore per l'ultimo triatleta.

Sono andato in Norvegia, perché volevo davvero vedere e sentire le emozioni del NORSEMAN. L'ambientazione di questo triathlon su lunga distanza è folle come sembra: dopo aver nuotato nel fiordo, gli atleti percorrono 180 km attraverso passi di montagna, altipiani e discese ripide. Proprio all'inizio del tratto in bicicletta, devono salire i pendii delle montagne quasi verticali dei fiordi a 1.300 metri di quota. In totale, il percorso in bici ha un dislivello di 2.600 metri. Inoltre, si alternano vento, freddo o pioggia, a volte tutti insieme (come quest'anno). Il traguardo della corsa lunga 42 km è in cima a Gaustatoppen, una montagna aspra ed esposta, alta 1800 metri, dove un sentiero sassoso conduce a un piccolo rifugio, leggendario luogo di nostalgia per i triatleti di tutto il mondo.

La società di cronometraggio con sede in Norvegia RaceTracker è responsabile del cronometraggio del Norseman dal 2017, affidandosi alla tecnologia attiva RACE RESULT. Essendo lì, ovviamente, ho offerto la mia assistenza per il cronometraggio della gara. “Jackpot”, hanno pensato i ragazzi di RaceTracker, che mi hanno mandato in salita verso il traguardo per installare e monitorare lì l'hardware di cronometraggio (dopotutto, c'è una funicolare per tutti gli atleti non estremi).

"Zombie Hill": è così che i triatleti chiamano l'ascesa al Gaustatoppen. Ora so il perché. Mentre esco dalla stazione, un temporale gelido si abbatte su di me. La temperatura esterna è di circa 5 gradi Celsius, una fitta nebbia mi circonda. Gli aiutanti stanno cercando di riparare le bandiere degli sponsor con i picchetti da alpinismo. Fisso con del nastro adesivo il mio loop a terra, avvio il decoder, installo un Track Box a poche centinaia di metri più a valle, quindi torno al rifugio il più rapidamente possibile.

 

Nel frattempo, gli atleti iniziano ad affrontare il tratto in bicicletta. I tempi intermedi in tempo reale e una ripresa del percorso di gara sono disponibili sul sito Web di Norseman. Fortunatamente, abbiamo installato i 27 Track Box presenti lungo il tratto di bici e corsa il giorno prima della gara. Oltre a questi, abbiamo disposto sistemi attivi (3x Decoder, 4x Loop Box) alla partenza, all'arrivo e nelle aree di transizione. I track box si stanno rivelando di nuovo particolarmente preziosi. Il percorso in bici non è chiuso al traffico automobilistico, la rete 4G in Norvegia è fortunatamente ben sviluppata. I Track Box sono semplicemente attaccati magneticamente ai segnali stradali. Riconoscono i transponder che passano e inviano i loro dati tramite la rete cellulare norvegese. Grazie alla configurazione e installazione rapida, Race Tracker può ottimizzare fortemente la logistica e il personale da impiegare per il triathlon. Sono necessarie solo tre persone per gestire l'intero evento! Il cronometraggio effettivo con il software RACE RESULT 12 avviene online, in una calda camera d'albergo non distante dal percorso di gara.

Ma torniamo alla montagna: sono al traguardo con una decina di sostenitori, fotografi e aiutanti. La tempesta infuria senza sosta. Fortunatamente, il negozio di souvenir della stazione ha guanti invernali da vendere. (Per precauzione?) mi viene consegnata una fascia per la testa in più: sono l'unico europeo tremante all'attivo. Seguiamo la gara in diretta sul nostro smartphone e sappiamo praticamente quando è previsto il vincitore al traguardo. Tuttavia, mi sembra irreale quando un uomo con una tuta da triathlon e occhiali da sole emerge dalla fitta nebbia. Il norvegese Sæverås Breivold vince il Norseman 2021 nel tempo di 10:21:47. “Indubbiamente, la cosa più difficile che abbia mai fatto”, dirà in seguito. Lo penso io stesso ancor prima di sentirlo dire da lui.

 

 

"Il Norseman è un mito nella scena del triathlon", mi ha detto Daniel Gallaher di Race Tracker quando sono tornato alla stazione a valle verso mezzanotte. Come norvegese puoi sentire il suo orgoglio in questa gara. E anche il suo orgoglio di cronometrista per essere una piccola parte di questo mito. Decine di migliaia di telespettatori hanno seguito le dirette streaming delle gare negli ultimi anni, registrando così 1,3 milioni di visualizzazioni dell'elenco dei risultati. Anche se la gara di quest'anno è stata più piccola del solito a causa del Corona, è un triathlon che verrà ricordato. Anche solo per essere stato in piedi in attesa sul traguardo...

RESULTS

NORSEMAN WEBSITE

RACE TRACKER WEBSITE

Cookies help us deliver our services.
In addition to technically necessary cookies, we use third-party cookies to analyze and optimize our service and to display videos:

Learn more